Un taglio netto alle convenzioni anti-bibliche e pseudo-bibliche, all'ignoranza e alle speculazioni — Ein klarer Schnitt zu den anti-biblischen und pseudo-biblischen Konventionen, zur Unwissenheit und den Spekulationen — A clean cut to the anti-biblical and pseudo-biblical conventions, to the ignorance and the speculations — Une coupe nette aux conventions anti-bibliques et pseudo-bibliques, à l'ignorance et aux spéculations — Un corte neto a las convenciones anti-bíblicas y pseudo-bíblicas, a la ignorancia y a las especulaciones

La fede che pensa — Accettare la sfida nel nostro tempo

«Glaube gegen den Strom»: Für das biblische Unterscheidungsvermögen — «Faith countercurrent»: For the biblical discernment — «Foi contre-courant»: Pour le discernement biblique — «Fe contracorriente»: Por el discernimiento bíblico

Per il discernimento biblico

Prima pagina

Contattaci

Domande frequenti

Novità

Arte sana

Bibbia ed ermeneutica

Culture e ideologie

Confessioni cristiane

Dottrine

Religioni

Scienza e fede

Teologia pratica

▼ Vai a fine pagina

 

Šabbât

 

Cristianesimo giudaico

 

 

 

 

Il sabato, l’anno sabbatico e il giubileo.

 

Ecco le parti principali:
■ Il patto, l'etica e il pensiero sabbatico
■ Il sabato nell’Antico Testamento, nel giudaismo, nel Nuovo Testamento e relative questioni odierne
■ L’estensione del sabato: l’anno sabbatico e lo jôbel nella Torà e nella storia
■ L’ideale e le funzioni teologiche risultanti
■ Excursus: Storia del giubileo cattolico
■ Le feste principali in Israele.

 

► Vedi al riguardo la recensione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serviti della e-mail sottostante!

E-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CHIAMATI DALLA PARTE D’ISRAELE

COME DISCEPOLI DI CRISTO?

Interrogativi su un conferenza di EDIPI

 

 di Nicola Martella

 

 

1.  ENTRIAMO IN TEMA: Le associazioni di amici d’Israele hanno chiaramente la loro utilità, ad esempio: pregare per la conversione dei Giudei; rappresentare i fatti, presentati a volte in modo distorto dai mass-media, in modo più corretto; tenere i contatti con singoli Giudei cristiani o con comunità in Israele; organizzare viaggi turistici in Israele e dintorni e visitare le comunità giudeo-cristiane; sostenere economicamente missionari indigeni; sostenere la democrazia d’Israele, comprando i suoi prodotti; e così via. Il risvolto della medaglia è che tali gruppi sono anche soggetti a vedere tutti i fatti, che accadono in Israele e intorno a esso, come «eventi profetici», trasformandosi così in una sorta di «fan club per Israele», perdendo così spesso la lucidità di giudicare i fatti attuali per quello che sono ed entrando nella tipica mentalità del tifo e dell’ideologia: si evidenziano i difetti e il male degli avversari d’Israele; in quasi in ogni evento mondiale si prospettano complotti contro Israele; si cercano scusanti per gli errori oggettivi degli Israeliti; e così via. Si contrasta giustamente la cosiddetta «teologia della sostituzione», ma alcuni formulano anche singolari dottrine, come ad esempio: i Giudei salvati in quanto progenie d’Abramo; il sionismo cristianizzato (Israele ha attualmente il diritto di riprendersi militarmente tutte le terre promesse ad Abramo); i governi israeliani stanno attuando il consiglio e la volontà di Dio; i cristiani hanno l’obbligo di aiutare finanziariamente progetti sociali in Israele…

     In certe riviste cristiane pro Israele leggo cose simili e viene evidenziato tutto il bene possibile su Israele, tutti i progressi della scienza e della tecnologia; chiaramente ogni nazione vorrebbe avere tanta pubblicità positiva. In tali scritti non leggo mai una voce critica verso la politica dei governi d’Israele, anzi, come detto, ogni evento politico e militare viene ammantato con discorsi «profetici».

     Inoltre, tali associazioni di amici d’Israele hanno fatto fiorire un vero mercato di letteratura, musica, oggettistica, gadget, prodotti artigianali e souvenir israeliani, agenzie di viaggi e quant’altro.

     Si può osservare che ogni osservazione critica di cristiani verso i governi e la politica d’Israele viene considerata un affronto verso il «popolo di Dio», le promesse di Dio, Dio stesso. Si viene tacciati subito di antisemitismo (non distinguendolo neppure dall’antisionismo) e messi sulla stessa linea con nazisti, naziskin, Hamas e altri movimenti contro l’esistenza di Israele. In certi casi, a tali accuse si aggiungono le minacce di un immane giudizio divino. Questi sono chiari tratti di un’ideologia religiosa.

     Chiaramente ci sono associazioni di amici d’Israele che hanno sani principi ed equilibrio di giudizio, sapendo distinguere fra il piano di Dio per Israele dalla politica dei governanti attuali d’Israele. A tali amici d’Israele io personalmente guardo con simpatia.

     Per l’approfondimento della questione, si veda in Nicola Martella (a cura di), Escatologia fra legittimità e abuso. Escatologia 2 (Punto°A°Croce, Roma 2007), gli articoli: «Cieco sostegno politico a Israele», pp. 252-257; «Israele automaticamente vicino a Dio?», pp. 258-262; cfr. «Riserva verso le organizzazioni più grandi», pp. 263s. Si veda anche la sezione «Analisi di alcune opere», pp. 139-221, in cui negli ultimi decenni gli autori hanno prospettato come assolutamente incombente ora questo, ora quello, riguardo a Israele, senza che ciò si sia veramente avverato.

 

 

2.  EDIPI E GLI ALTRI «AMICI PER ISRAELE»: Non pensavo proprio di dovermi occupare di EDIPI (Evangelici d’Italia per Israele) in questo periodo. Sennonché Gabriele Crociani mi ha scritto quanto segue: «Fratello, mi manderesti articoli su Israele? Sei stato invitato a questo incontro di EDIPI? Un abbraccio...» {23-09-2010}.

     Gli risposi come segue: Gabriele Crociani, […] Non ho articoli su Israele da mandarti. Ciò che ho pubblicato (oltre a libri come Šabbât), sta sul mio sito, ma non è pubblicabile altrove [► Cristianesimo giudaico; ► Giudaismo]. Non sono stato invitato a tale conferenza di EDIPI, non sapevo neppure che ci fosse.

     Sinceramente sono abbastanza scettico su tali commistioni con l’Israele storico. Ai Giudei bisogna presentare l’Evangelo, essendo essi perduti senza Gesù Messia, non fare cultura insieme a loro, fingendo una «fratellanza» un po’ artificiale. Qui mi sembra inoltre che si voglia giudaizzare le chiese, introducendo costumi giudaici, che si vogliono accreditare come «biblici»; ciò è la peggiore cosa che possa succedere secondo varie epistole del NT. A ciò si aggiunga che si mischia Evangelo e politica pro Israele insieme; non ne trovo traccia nel NT. Rimango, quindi, abbastanza scettico.

     Conosco il NT abbastanza bene e sinceramente non trovo in esso nessuna base per approvare uno slogan del genere: «Chiamati dalla parte d’Israele come discepoli di Cristo». Questo di EDIPI è uno spot senza un vero contenuto teologico accertabile col NT.

 

Gabriele Crociani mi ha risposto così: «[…] L’unico che da Cristiano sta passando o è passato al giudaismo è “A.V.” Ho tradotto un paio di volte persone invitate da EDIPI, ebrei, e li ho trovati equilibrati. Nessuna pressione a giudaizzare la chiesa... ma noi chiesa abbiamo perso di vista la nostra posizione nei loro riguardi» {23-09-2010}.

     Gli risposi come segue: Gabriele Crociani, shalom. La nostra posizione nei riguardi d’Israele è chiara nel NT: predicare l’Evangelo di Gesù Cristo ai Giudei, di cui ora sono nemici, sebbene abbiano l’elezione in Abramo. Un altro mandato mi è sconosciuto nella teologia del nuovo patto.

     Ho visto il filmato e il messaggio che trasmette: è inquietante dal punto di vista della teologia del NT. Pubblicherò presto una mia analisi di tale filmato, partendo da questa nostra conversazione.

     Gabriele Crociani mi ha risposto come segue: «Sarò pronto a risponderti e credo che dovremo approfondire, in maniera pubblica, altri argomenti. A presto! Dio ti benedica» {23-09-2010}.

 

Sul fenomeno del «giudaismo di ritorno», ossia di cristiani che sono passati al giudaismo, dopo essere entrati per la porta degli «amici per Israele», rimando alla seguente sezione, in cui ci sono vari articoli: «Cristiani convertiti al giudaismo». Qui si potrà vedere che tra coloro, che hanno venduto la libertà in Cristo per un «piatto di lenticchie» giudaiche, non c’è saltando quello, che Gabriele Crociani chiama «A.V.»., ossia Andrea Viel, ma che lui e Luigi Esposito sono alquanto attivi nel Web per giudaizzare cristiani vacillanti e per portarli sulla loro via verso la sinagoga.

 

 

3.  ANALISI DEL FILMATO: Ho cercato un articolo o una descrizione scritta di tale evento, ma non ho trovato nulla di significativo. A questo punto, sono stato costretto a guardare attentamente tale filmato e ad assoggettarlo ad analisi formale e teologica. Tale spot l’ho visto per la prima volta in tale occasione. Lo si può guardare qui. Visto che nulla resta a lungo in Internet (penso all’intervista di Carlo Caruso, che non ho più trovata sul sito di EDIPI), ne faccio qui una descrizione. [► Interrogativi sul cristianesimo giudaico: Dialogo senza Carlo Caruso]

     Sulla testata della pagina si vedono i sandali di un uomo. Accanto a lui ci sono cumuli di ossa e sotto di lui il tempio di Gerusalemme. Poi parte un filmato e, dopo il simbolo di EDIPI, si vede parte dell’armatura di un soldato romano: corazza e spada sguainata. Si sente come musica una marcia militare. In sovrimpressione compare la scritta: «Sul campo di battaglia». Si vedono ossa. Seguono le parole: «il ricordo antico» e poi, dopo immagini di teschi e ossa: «di un dovere di chiamata». C’è una zumata sul tempio dall’alto e segue la scritta: «al fianco del Maestro». Ritorna l’immagine di testata, sopra descritta. Segue una scena di una conferenza di EDIPI, in cui un Giudeo con kippà e un Gentile si abbracciano; il tutto sfuma nell’immagine di Ivan Basana, presidente di EDIPI, a cui segue la foto di una danza e poi in visi sorridenti o in contemplazione e persone applaudenti, tra cui esponenti dell’ebraismo storico. Si vede poi Riccardo Pacifici, presidente della Comunità Ebraica di Roma, che è intento a colloquiare con cristiani. Intanto la musica diventa sempre più intensa e maestosa, per suscitare solennità e coinvolgimento. Si vede la bandiera italiana con sotto quella di Israele su cui è appoggiato un tipico corno, strumento musicale dell’antico Israele. Si vedono le mura del tempio. E alla fine compare il titolo della conferenza: «Chiamati dalla parte d’Israele come discepoli di Cristo». Rimango solo perplesso.

     Ricompongo, infine, l’intero messaggio del filmato: «Sul campo di battaglia il ricordo antico di un dovere di chiamata al fianco del Maestro». Rimango ancora più perplesso. Leggendo, poi, il titolo della conferenza, non mi resta che scuotere la testa per l’incredulità riguardo al messaggio, che si vuole far passare. È sconcertante come si attribuiscano al Maestro simili suggestioni, usando slogan da crociata e musica militare, suggerendo che i discepoli di Gesù Messia debbano diventare militanti per l’Israele storico. Che dire? È una teologia veramente conforme al nuovo patto!

     Mi viene il dubbio se EDIPI non sia oramai l’acronimo di certi «Evangelici, dipendenti israeliani per ideologia».

 

 

4.  ASPETTI CONCOMITANTI: Chiaramente mi sono studiato anche la lista dei relatori e di quanti interverranno (Relatori e Artisti). Subito in alto sulla pagina mi hanno colpito i nomi di due dei relatori: Marcello Cicchese (sinistra) e Corrado Maggia (destra). Tale combinata mi ha alquanto meravigliato, visto che non ci sono probabilmente persone così differenti per dottrina, appartenenza ecclesiale e concezione della realtà. Tralascio qui tutte le altre persone, specialmente gli esponenti dell’ebraismo.

     Chiaramente preferisco coloro che dialogano a coloro che non lo fanno. Mi concentrerò soltanto sulle due persone sunnominate. Premetto che ambedue le persone (Cicchese e Maggia) hanno il diritto di pensare, credere e fare ciò, che vogliono; qui evidenzio soltanto la singolare accoppiata.

     Marcello Cicchese è un noto esponente delle «Assemblee dei Fratelli», dei cui principi è ferreo difensore. I suoi articoli si possono trovare sul mensile «Il Cristiano», rivista in cui scrivono, in genere, perlopiù esponenti dell’ala tradizionalista delle Assemblee, sebbene occasionalmente si vedano gli scritti di altre «anime» del Movimento; questo è però soltanto un dettaglio. Con l’ASPE, l’associazione che pubblica «Il Cristiano», Marcello Cicchese ha pubblicato il libro «Dio ha scelto Israele» (ASPE, Anghiari 2003). Se non ricordo male, egli era o è ancora membro dell’ASPE. Il «kit del congressista» di EDIPI comprende proprio un libro di Marcello Cicchese dal titolo «Dalla parte di Israele come discepoli di Cristo».

     Corrado Maggia è noto esponente del carismaticismo, che chiamerei «esorcistico». Ha avuto un passato nelle religioni orientali, nell’occultismo e nello spiritismo ed è, ora, fautore della pastorale esorcistica; i suoi seminari recitano: «Demoni ed Esorcismo», «La Guarigione Divina» e simili. L’EDIPI lo presenta anche come uno che esercita «il suo ministero di esorcista in favore di persone demonizzate» (qui).

     Tale ambivalenza fra essere esponente di EDIPI e fautore della pastorale esorcistica è strettamente connessa laddove Corrado Maggia viene presentato. Eccone un esempio di autopresentazione sul sito della propria chiesa: «Inoltre, il Pastore Corrado Maggia ha tenuto a Biella, nel Biellese e in numerose città italiane del nord (Torino, Ivrea, Santhià, Pavia, Brescia, Venezia e Bologna), del Centro-Sud (Ancona, Campobasso, Caserta, Catanzaro, Palermo, Caltanissetta e Gela), in Svizzera a Caslano, diverse conferenze evangelistiche: “Angeli e Demoni”, “Demoni ed Esorcismo”, “Liberazione e guarigione nel nome di Gesù Cristo”, “La Guarigione Divina”, “Vita dopo la Morte”. Corrado ha visitato con altri ministri il Brasile, la Repubblica Centroafricana, l’Argentina e gli USA. In alcune di queste nazioni ha predicato ed esercitato il ministero di liberazione. Dal 2002 al 2005 è stato uno dei relatori dei Raduni Nazionali per Israele tenuti a Loreto, Frascati, Scalea e Milano, organizzati da EDIPI (Evangelici d’Italia per Israele), associazione di cui è membro fondatore insieme al Pastore Ivan Basana ed altri credenti» (formattazione redazionale).

     Ora, sinceramente, mi viene un dubbio, avendo avuto a che fare con ambedue questi relatori (nel programma: Marcello Cicchese: sabato 30 Ottobre, 17.30; Corrado Maggia: domenica 31 Ottobre, 17.30). La dottrina di ambedue questi relatori sta agli antipodi in molti punti salienti. Quello che Corrado Maggia pensa delle Assemblee dei Fratelli è noto, ossia che siano «cacca» (il termine originale era più forte) con tutti i loro esponenti. [► Lo stato del cuore di un carismaticista] Visto che finora non mi è arrivata nessuna smentita da parte di Corrado Maggia riguardo a un suo pentimento per le gravi cose asserite, come fa Marcello Cicchese, esponente della particolare ortodossia delle Assemblee, a tenere una Lectio Magistralis nella stessa conferenza, in cui parlerà Corrado Maggia? (nota al margine: una lectio magistralis è, in genere, una lezione accademica di una persona illustre e famosa, tenuta dinanzi a colleghi, studenti e alte personalità). Ora, però, Corrado Maggia non è una persona qualunque, ma «è socio fondatore di EDIPI», nel cui organigramma compare anche come suo rappresentante, ed è parimenti un esponente di una particolare ed estrema dottrina carismaticista. Tutto ciò mi rimane un mistero. È probabile che dalla «politica dei due forni» siamo qui passati alla «teologia dei due forni».

     Per non essere tacciato di parzialità, devo aggiungere che la stessa questione bisognerebbe chiaramente porla a un altro esponente delle Assemblee dei Fratelli, che nell’organigramma dell’associazione di EDIPI compare, tra altre cose, così: «Consigliere Teologico: Rinaldo Diprose (direttore degli studi dell’Istituto Biblico Evangelico Italiano di Roma)». Di ciò ne ho già parlato anni fa. [► La mente di un carismaticista] Tuttavia, anni fa, dopo aver interpellato Rinaldo Diprose, non ho ottenuto grandi risposte, se non una nota abbastanza diplomatica, che ha lasciato molti dubbi in me e nei lettori. [► Lo stato del cuore di un carismaticista? Parliamone (1) contributo 3]

     Come ho premesso sopra, le persone di cui ho parlato, sono libere di pensare, credere, insegnare e fare ciò, che credono meglio. Mi sono semplicemente posto la questione come persone teologicamente così distanti, siano così vicine nella stessa conferenza, in cui sono gli oratori. In tutto ciò mi viene il dubbio che, a certi livelli, la coerenza teologica e specialmente la morale cristiana siano degli optional.

 

Cristiani chiamati dalla parte d’Israele? Parliamone {Nicola Martella} (T)

 

► URL: http://puntoacroce.altervista.org/_Den/A1-EDIPI_conf_interroga_Sh.htm

26-09-2010; Aggiornamento: 29-09-2010

 

▲ Vai a inizio pagina ▲
Proprietà letteraria riservata
© Punto°A°Croce