Un taglio netto alle convenzioni anti-bibliche e pseudo-bibliche, all'ignoranza e alle speculazioni — Ein klarer Schnitt zu den anti-biblischen und pseudo-biblischen Konventionen, zur Unwissenheit und den Spekulationen — A clean cut to the anti-biblical and pseudo-biblical conventions, to the ignorance and the speculations — Une coupe nette aux conventions anti-bibliques et pseudo-bibliques, à l'ignorance et aux spéculations — Un corte neto a las convenciones anti-bíblicas y pseudo-bíblicas, a la ignorancia y a las especulaciones

La fede che pensa — Accettare la sfida nel nostro tempo

«Glaube gegen den Strom»: Für das biblische Unterscheidungsvermögen — «Faith countercurrent»: For the biblical discernment — «Foi contre-courant»: Pour le discernement biblique — «Fe contracorriente»: Por el discernimiento bíblico

Per il discernimento biblico

Prima pagina

Contattaci

Domande frequenti

Novità

Arte sana

Bibbia ed ermeneutica

Culture e ideologie

Confessioni cristiane

Dottrine

Religioni

Scienza e fede

Teologia pratica

▼ Vai a fine pagina

 

Manuale Teologico dell’AT

 

Carismaticismo

 

 

 

 

Dopo una introduzione alle problematiche della teologia dell’AT, segue il dizionario teologico dell’AT.

   Ecco le parti principali dell’introduzione alla teologia dell’AT:
■ Il compito e l’oggetto della Teologia dell’AT
■ Le posizioni teologiche più ricorrenti
■ I patti e gli altri approcci
■ Contro l’appiattimento storico e teologico dell’AT.

 

Al dizionario teologico dell’AT sono acclusi un registro delle voci e un registro ragionato delle stesse detto «percorsi teologici».

 

► Vedi al riguardo le recensioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serviti della e-mail sottostante!

E-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA MENTE DI UN CARISMATICISTA

 

 di Corrado Maggia - Nicola Martella

 

1. Le tesi (Corrado Maggia)

2. Osservazioni e obiezioni (Nicola Martella)

 

Clicca sulle frecce iniziali per andare avanti e indietro.

 

Ho risposto a una lettera di Corrado Maggia, intitolata «risposta dovuta» (31-10-2007), sebbene io non l’avessi mai interpellato e sebbene sul sito «Fede controcorrente» il suo nome compariva solo in connessione con una circolare mandata da Stefano Ferrero a nome di Corrado Maggia. [► Voglia di profeti e veggenti] Ora, contrariamente alla sua decisione di non contattarmi mai più, è tornato alla carica; e questo anche disattendendo alla mia volontà di non confrontarmi più con lui su questi temi.

     In questo luogo, analizzando la sua nuova missiva, mi interessa soprattutto verificare come funziona la mente di un carismaticista. Ribadisco ancora una volta che Corrado Maggia avrà certamente capacità e pregi che mi sfuggono, ma qui posso solo basarmi da quanto ricevuto da lui.

     Per capire l’inizio della sua lettera, devo incollare qui la mia missiva, con cui lo avvertivo (come faccio di consueto con tutti) che avevo risposto al suo scritto: Corrado Maggia, shalom. Sono Nicola Martella, da te interpellato e fatto oggetto d’una cacologia inaudita e gratuita. Mi fermo qui, rimandando all’articolo.

     Ho messo in rete il tuo contributo e la mia risposta: ► ► Lo stato del cuore di un carismaticista.

     Non solo io sono stato sorpreso, ma Rinaldo Diprose, con cui sei stato insieme questi ultimi giorni [nella conferenza di EDIPI], si è alquanto meravigliato sia come esponente del Movimento dei Fratelli sia come direttore degli studi dell’Ibei. Ci penserà lui a risponderti per il resto.

     Quanto a me, considero qui conclusa la discussione con te su questo tema. Stanno arrivando le prime reazioni, le troverai sul sito nei prossimi giorni. Saluti in Gesù Messia... Nicola Martella {05-11-2007}

 

 

1.  LE TESI (Corrado Maggia)

 

Shalom, Nicola Martella, che prima martella e poi ti saluta (con un’e-mail privata) «shalom», risponde il «carismaticista» da te coinvolto nelle tue di cacologie, anche se ti piace definire così solo le mie. Non ti ho risposto prima perché in questi giorni sono stato fuori Biella, la mia città, a causa della morte d’una mia cugina.

     Complimenti per il neologismo da te inventato! Carismaticista non esiste in nessun vocabolario o dizionario che io conosca, ma è una tua invenzione. Sei pure un inventore di nuove parole oltre che accusatore dei tuoi fratelli, ruolo che evidentemente stai cercando con tutte le tue forze di strappare al diavolo (Ap 12,10)? Con il tuo libro Carismosofia poi, ti sei proprio superato. Li hai proprio fatti neri quei fanatici carismaticisti pentecostalacci, indemoniati, mesmeristi ed esoterici della malora! Claudio Bisio, imponendo le sue mani sulla tua testa, ti direbbe: «Bravissimo!».

     Nel tuo articolo «I cristiani possono far cadere Satana dal cielo?» (anch’io sono contro la dottrina del combattimento spirituale contro gli spiriti territoriali), scrivi: «Se tutti i cristiani sono “carismatici”, ossia detentori di carismi, alcuni sono carismaticisti, ossia seguaci dell’ideologia carismaticista, una commistione fra asserzioni bibliche e concezioni spesso di tipo gnostico o esoterico. Bisogna distinguere pure i “pentecostali storici” dai carismaticisti (spesso si chiamano impropriamente neo-pentecostali). È un grave errore, in genere, confondere i pentecostali con i carismaticisti». Sei proprio un bel tipo! Neanche mi conosci e mi hai già catalogato come uno «gnostico esoterico» e poi fai quello ferito se io m’incavolo per le scempiaggini e le critiche gratuite che scrivi su di me e su quelli che credono nell’attualità dei carismi dello Spirito Santo, rispondendoti con toni ironici e con sdegno di fronte a un così disgustoso comportamento.

     Rispondendo sul tuo sito alla mia e-mail, mi fai il predicozzo sulle mie colorite reazioni mettendo in discussione il frutto dello Spirito nella mia vita! Ma da che pulpito? Con che coraggio? Accusare chi accusa, ironizzare con sdegno chi disprezza con arroganza tu lo chiami mancare del frutto dello Spirito? Ma fammi il piacere! Con Gesù che diceva la verità i Farisei facevano la stessa cosa, lo accusavano addirittura d’avere un demonio. La tua è una tecnica che ho già visto utilizzare da altri come te, sei è un dejavu, un noioso dejavu. Prima spari a zero sul bersaglio prescelto, provochi la sua reazione, poi fai quello che è ferito e quindi accusi chi ha reagito con forza di mancare d’amore e del frutto dello Spirito. In tutto ciò c’è abbastanza carne da fare una grigliata colossale? Se non hai capito la battuta te la spiego. Caro Martella, i martellati ogni tanto martellano e se non vuoi essere martellato smettila di martellare. Martella il nemico di Dio, che è anche il nostro comune nemico, non i tuoi fratelli in Cristo (anche se dal tuo punto di vista noi «gnostici esoterici» probabilmente non siamo nemmeno da te considerati fratelli!). E se non hai altro che parole, parole, parole, come dice Mina, fai che siano almeno «parole, parole, parole... parole soltanto parole, parole d’amor». È proprio quest’ultima parola, «amore» in tutti i suoi aspetti, tra i quali c’è il rispetto, la correttezza, l’umiltà, la ricerca sincera della verità, che ti consiglio d’approfondire. Paolo dice di seguire «la verità nella carità», nelle tue parole non c’è traccia né dell’una né dell’altra.

     Potrei risponderti su ogni punto che hai scritto in risposta alla mia e-mail sul tuo sito, ma preferisco concludere qui la discussione, seguendo il consiglio dell’apostolo Paolo: «Ammonisci l’uomo settario una volta e anche due; poi evitalo, sapendo un tal uomo è traviato e pecca, condannandosi da sé» (Tt 3,10-11). Se ti scrivessi nuovamente sarebbe la terza e non ubbidirei all’apostolo. Mi spiace ma la mia ubbidienza al suo ordine è più importante d’ogni altra cosa. Sai, noi «carismaticisti» siamo anche letteralisti e fondamentalisti, quando vogliamo.

     Lascia che lo Spirito Santo t’aiuti a rinnovare la mente, mettiti in discussione, smettila di mettere in discussione sempre gli altri, in altre parole, ravvediti!!!

     Saluti in Yeshua il Messia

     Corrado Maggia: per qualcuno pastore, per altri apostolo e per altri ancora «gnostico esoterico».

 

«Ciò che sembra può non essere, ciò che è può non sembrare» (Anonimo).

     P.S. - In via eccezionale, contraddicendo a quanto t’avevo scritto, ti do il permesso d’inserire nel tuo sito questo scritto, naturalmente nella in maniera integrale. Considerala come la mia definitiva risposta alla tua risposta. Se non ti va di farlo, fa un po’ quel che ti pare.

     P.P.S - A Rinaldo di Prose ho scritto in risposta alla sua e-mail privatamente, come privatamente mi ha inviato la sua. {09-11-2007}

 

 

2.  OSSERVAZIONI E OBIEZIONI (Nicola Martella)

 

     ■ Propositi: La mia esperienza con vari carismaticisti militanti mi ha mostrato ripetutamente che essi stessi non si attengono alle loro dichiarazioni di non scrivermi mai più. E neppure rispettano la libertà altrui di non continuare più tale confronto, visto il tono ingiurioso spesso usato. Questa mia esperienza mi è stata confermata anche da altri che hanno avuto a che fare con carismaticisti militanti. Perché la mente carismaticista funziona così?

 

     ■ Aspetto morale: Dopo la prima lettera piena di ingiurie gratuite contro la mia persona e un intero movimento (quello dei Fratelli), mi sarei aspettato nella presente missiva un minimo di pentimento e un’ammissione, sebbene a denti stretti, di aver sbagliato e un piccolo barlume di scuse. Al contrario, Corrado Maggia prosegue qui con lo stesso tono. Perciò, nella stessa frase, in cui afferma che sono «inventore di nuove parole» (dove sta la pecca?), mi dipinge come un «accusatore dei tuoi fratelli, ruolo che evidentemente stai cercando con tutte le tue forze di strappare al diavolo (Ap 12,10)». E anche mi attribuisce «le scempiaggini e le critiche gratuite che scrivi su di me» (dove l’ho fatto?) e altresì «un così disgustoso comportamento». Per lui sarei un «déjà-vu, un noioso déjà-vu» (correzione mia). Perché la mente carismaticista dimentica qui la sua ultima lettera?

     Egli usa queste accuse e altri addebiti per giustificare se stesso? Perché degrada le sue passate parole a mere «colorite reazioni»? Prima del suo proclama mandato in giro, in cui egli parlava di Bob Hazlett come del «profeta del 20° secolo», io non sapevo neppure che esistesse Corrado Maggia! Se egli non mi avesse scritto una lettera in cui — come egli stesso afferma — «disprezza con arroganza», non avrei mai osato dire alcunché su di lui. Quindi, mi dimostri dove avrei sparato «a zero sul bersaglio prescelto», ossia su lui stesso prima della sua prima lettera, per altro mai richiesta. Perché la mente carismaticista deforma così i fatti?

     Da tutto ciò si vede inoltre che per i carismaticisti militanti la difesa di una sovrastruttura dogmatica (cioè il carismaticismo) prevalga sugli aspetti di spiritualità e di devozione cristiana, ingiunti dalla sacra Scrittura. Perché la mente carismaticista mette fuori uso il «frutto dello Spirito» pur di far prevalere la propria concezione dei «carismi dello Spirito»?

 

     ■ Neologismi: Perché i neologismi dovrebbero rappresentare un problema? Chi studia fenomeni vecchi o nuovi, si trova dinanzi alla necessità di definirli in modo preciso e concreto. Fino a pochi anni fa, nessuno aveva mai sentito parlare, ad esempio, di «Disegno Intelligente» (o Intelligent Design) in campo scientifico. Nella sociologia, nell’informatica, nella politica, nel web e così via assistiamo continuamente alla formazione di neologismi per descrivere una realtà mutevole. Fino a poco tempo, fa nessuno aveva sentito parlare, ad esempio, delle seguenti parole nelle loro accezioni particolari: autoconvocarsi, autodosarsi, badante, bioinformatica, biotecnologia, bioterrorismo, bipartisan, cartolarizzazione, clonazione, e-book, genomica, girotondo (politica), mobbing, nanotecnologie, no global, sitografia, transgenico, videofonino, xenotrapianto. Sebbene le fonti siano tante, rimando al seguente sito per l’aggiornamento costante e autorevole dei neologismo: Neologismi dell’Accademia della Crusca.

     Chi è stato mio studente di AT nei miei due decenni d’insegnamento presso l’Ibei, chi ha assistito a dei miei seminari o chi ha letto le mie opere di AT ha preso atto che per descrivere la materia teologica ho usato dei concetti nuovi come «Dinamica predizionale» (Manuale Teologico dell’Antico Testamento, p. 138), «Impianto predizionale» (pp. 184s), «Predizione d’ingresso» (pp. 278s). Anche nello descrivere la contiguità di certe manifestazioni religiose ho parlato, ad esempio di «polisantismo» quale fenomeno similare con l’antico politeismo (La lieve danza delle tenebre, p.es. p. 15; definizione p. 19 nota 29). Similmente si troverà «attesa incombente» nell’escatologia per distinguere tale atteggiamento dalla biblica «vicina attesa» (Escatologia fra legittimità e abuso, Escatologia 2, pp. 123s; cfr. pp. 222ss). Nel commentario ai primi capitoli della Genesi parlo ad esempio di «teoria restituzionista» o di «teoria dello sbalzo [temporale]» (Temi delle origini, Le Origini 1, p. 115). E così via.

     La lingua è uno strumento per descrivere la realtà che, non essendo mai statica, necessita di descrizioni vecchie e nuove. Guardando un qualsiasi vocabolario d’italiano di quest’anno e lo si confronta con quello di alcuni anni fa, ci si accorgerà quanti termini nuovi esso contiene. Per l’approfondimento rimando a Giovanni Genovesi, «Scienza dell’educazione e insegnamento» (Il problema del linguaggio: necessità di neologismi»), in L. Bellatalla, G. Genovesi, E. Marescotti (a cura di), Insegnare prima d’insegnare. Fondamenti per la professionalità docente (Franco Angeli, Milano 2006).

     La mia distinzione fra «carismatici» e «carismaticisti» è congrua per motivi teologici e storici, infatti non tutti i pentecostali — pur essendo «carismatici» (detentori di carismi) — aderiscono ai dettami della sovrastruttura dogmatica del «carismaticismo» e dei suoi esponenti. Non a caso, a prendere la parola nei temi di discussione connessi [► Lo stato del cuore di un carismaticista? Parliamone (1); ► Lo stato del cuore di un carismaticista? Parliamone (2)] sono stati anche credenti pentecostali che non si identificano col «carismaticismo». A ciò si aggiunga che tale distinzione si trova anche in altre opere e in altri siti. Si veda ad esempio «Diotrefe», forum di un gruppo a me ancora sconosciuto». Per quel che ricordo, questa differenziazione ricorre anche in una pubblicazione dell’Ibei di molti anni fa a cura di Rinaldo Diprose.

 

     ■ Descrizione fenomenologica: Corrado Maggia cita una mia definizione differenziale fra «carismatico» e «carismaticista», tratta dal mio articolo «I cristiani possono far cadere Satana dal cielo?». Poi con mia sorpresa conclude tra altre cose così: «Neanche mi conosci e mi hai già catalogato come uno “gnostico esoterico”». Ho cercato in tale articolo il suo nome, ma non l’ho trovato. Perché la mente carismaticista fa false attribuzioni pur di accaparrarsi la ragione?

 

     ■ Confronti indebiti: Si noti dapprima l’uso strumentale di Gesù: «Con Gesù che diceva la verità i Farisei facevano la stessa cosa, lo accusavano addirittura d’avere un demonio». Perché la mente carismaticista pretende di paragonarsi a Gesù e lo usa in modo così strumentale?

     Si noti poi uno strano consiglio. Prima cita Mina, poi ricama su «parole d’amor» della canzone di quest’ultima, dicendo: «È proprio quest’ultima parola, “amore” in tutti i suoi aspetti, tra i quali c’è il rispetto, la correttezza, l’umiltà, la ricerca sincera della verità, che ti consiglio d’approfondire». Perché la mente carismaticista dimentica così in fretta le male parole e gli addebiti usati nell’ultima e in questa missiva, e poi cita strumentalmente le parole paoline della «la verità nella carità»?

     Inoltre, visto che l’iniziativa di scrivermi è stata sua, non doveva dare egli il buon esempio di una condotta incarnata in tali parole? Oppure la mente carismaticista pretende di stare essa stessa di là dal bene e dal male?

     Da parte mia cerco di esercitarmi nella «verità in amore» (1 Pt 1,22), «seguitando verità in amore» (Ef 4,15), e nell’«amore per la verità» (2 Ts 2,10) e cercherò di mettere viepiù premura nel proseguire in tale cammino… anche verso i carismaticisti.

 

     ■ Nuova stigmatizzazione: All’usuale minaccia carismaticista di aver «bestemmiato contro lo Spirito Santo» e di stare perciò sotto l’incombente giudizio divino (vedi ultima lettera), se ne aggiunge qui un’altra. Per fare ciò, all’uso strumentale di Gesù e di Paolo (vedi sopra) si aggiunge qui nuovamente quello delle parole di Paolo sull’«uomo settario» (Tt 3,10s).

     Se Corrado Maggia avesse fornito una definizione e una descrizione di che cosa sia biblicamente un «uomo settario», avrei potuto analizzare la mia persona per verificare se tale abito mi riguarda o meno. Chi prescinde da una corretta esegesi contestuale, rischia di stigmatizzare il suo interlocutore come «persona faziosa» senza neppure capire che cosa Paolo intendesse veramente. Perciò analizziamo il tutto biblicamente e contestualmente.

     Per completezza presento una traduzione dell’intero brano: «Ma evita le polemiche stolte e le genealogie e le contese e le dispute legalistiche, perché sono inutili e senza valore. 10L’uomo fazioso, dopo una prima e una seconda ammonizione, schivalo, 11poiché tu sai che un tale è pervertito e pecca ed è condannato da se stesso» (Tt 3,9ss).

     Dove ho questionato intorno alle genealogie (si trattava di dimostrare la giudaicità come privilegio particolare) e alla Legge mosaica? (si trattava di affermare l’obbligatorietà di osservarla; At 15,1.5). Come si vede questi versi descrivevano i giudaisti cristiani (cfr. Gal 2,12ss), di cui aveva già parlato precedentemente: «Vi son molti ribelli, cianciatori e seduttori di menti, specialmente fra quelli della circoncisione, ai quali bisogna turare la bocca; 11uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno» (Tt 1,10s). Paolo aveva denunciato le loro pretese intorno alla Legge e alla circoncisione (Gal 5,12) e aveva combattuto i loro miti, ingiungendo a Timoteo di «ordinare a certuni che non insegnino dottrina diversa 4né si occupino di favole e di genealogie senza fine, le quali producono questioni, anziché promuovere l’economia di Dio, che è in fede» (1 Tm 1,3s; 4,7; Tt 1,14 «miti giudaici»). Perché la mente carismaticista prescinde da una corretta esegesi contestuale, pur di stigmatizzare i suoi interlocutori?

     Faccio umilmente notare che se fossi stato un «uomo settario», non sarei stato mandato in Italia come missionario. Non avrei contribuito in prima persona all’edificazione della chiesa locale qui in loco né contribuirei ora a una nuova testimonianza. È difficile insegnare in un istituto biblico per più di due decenni da «uomo settario». Nessuna chiesa mi avrebbe invitato per conferenze, seminari e predicazioni. Nessuno avrebbe richiesto miei articoli per le proprie pubblicazioni (risparmio l’elenco) né avrebbe accettato di pubblicare i suoi nelle mie opere o nel mio sito «Fede controcorrente». Mi fermo qui. Siano i lettori e coloro che mi conoscono a giudicare. Perché la mente carismaticista usa tali argomenti strumentali e poco seri?

 

     ■ L’appello: Infine, come nell’ultima lettera, non poteva mancare qui un appello al ravvedimento, ossia al carismaticismo. No grazie: non ho bisogno di «superapostoli» (2 Cor 11,5; 12,11); e la «libertà in Cristo» (Gal 2,4) mi basta. Ogni giorno mi confronto con vari fratelli di diversi orientamenti dottrinali ed essi sono per me uno stimolo e un’occasione di riflessione, d’approfondimento, d’arricchimento e di messa in discussione delle convinzioni acquisite. Perché la mente carismaticista non sente per sé il dovere d’interrogarsi intorno al ravvedimento?

 

     ■ Nuovi propositi: Corrado Maggia si propone di non scrivermi per la terza volta per non disattendere l’ordine dell’apostolo Paolo intorno all’«uomo settario»! Verificheremo con i fatti.  Vogliamo però credergli.

 

     ■ Il finale: Corrado Maggia scomoda un «anonimo» per dire qualcosa di sibillino. In un «post scriptum» ammette che, scrivendomi l'attuale lettera, starebbe «contraddicendo a quanto t’avevo scritto» e annuncia l’attuale sua missiva come «la mia definitiva risposta». Resta il «mistero» riguardo a ciò che avrà scritto a Rinaldo Diprose — esponente conosciuto della chiesa dei Fratelli, nonché direttore degli studi dell’IBEI e cofondatore dell’EDIPI (Evangelici D’Italia Per Israele), nel cui collegio direttivo figura anche Corrado Maggia. Riguardo a tale carteggio un po’ di curiosità ce l’avremmo.

 

*°*°*°*°*°*°*°

 

Excursus: Lascio dapprima una esortazione della Parola che vale per noi tutti, senza eccezione: «Custodisci il tuo cuore più d’ogni altra cosa, poiché da esso procedono le sorgenti della vita. 24Rimuovi da te la perversità della bocca, e allontana da te la falsità delle labbra. 25Gli occhi tuoi guardino bene in faccia, e le tue palpebre si dirigano dritto davanti a te. 26Appiana il sentiero dei tuoi piedi, e tutte le tue vie siano ben preparate. 27Non piegare né a destra né a sinistra, ritira il tuo piede dal male» (Pr 4,23-27).

     Riporto infine uno dei motti a me caro, che formulo così: «I cristiani fedeli alla sacra Scrittura hanno in comune più di quanto li possa mai differenziare». Di là dalle proprie convinzioni e delle differenze con i propri interlocutori, che si possono rimarcare con chiarezza e correttezza, è necessario che i cristiani fedeli alla Bibbia siano un esempio positivo per un confronto franco, sincero, leale e rispettoso. Tutto ciò comincia nel riportare il pensiero altrui correttamente e senza false attribuzioni.

 

► URL: http://puntoacroce.altervista.org/_Den/A1-Mente_carismaticista_MT_AT.htm

10-11-2007; Aggiornamento: 13-11-2007

 

▲ Vai a inizio pagina ▲

Proprietà letteraria riservata

© Punto°A°Croce