Un taglio netto alle convenzioni anti-bibliche e pseudo-bibliche, all'ignoranza e alle speculazioni — Ein klarer Schnitt zu den anti-biblischen und pseudo-biblischen Konventionen, zur Unwissenheit und den Spekulationen — A clean cut to the anti-biblical and pseudo-biblical conventions, to the ignorance and the speculations — Une coupe nette aux conventions anti-bibliques et pseudo-bibliques, à l'ignorance et aux spéculations — Un corte neto a las convenciones anti-bíblicas y pseudo-bíblicas, a la ignorancia y a las especulaciones

La fede che pensa — Accettare la sfida nel nostro tempo

«Glaube gegen den Strom»: Für das biblische Unterscheidungsvermögen — «Faith countercurrent»: For the biblical discernment — «Foi contre-courant»: Pour le discernement biblique — «Fe contracorriente»: Por el discernimiento bíblico

Per il discernimento biblico

Prima pagina

Contattaci

Domande frequenti

Novità

Arte sana

Bibbia ed ermeneutica

Culture e ideologie

Confessioni cristiane

Dottrine

Religioni

Scienza e fede

Teologia pratica

▼ Vai a fine pagina

 

Entrare nella breccia 1

 

Dottrina

 

 

 

 

In prima linea — Entrare nella breccia 1:

   Qui sono contenuti i principi di cura d’anime generale. Ecco le parti principali:
■ Gli aspetti generali
■ La consulenza
■ Gli aspetti dottrinali
■ I problemi della consulenza

 

Fare fronte — Entrare nella breccia 2:

   Si tratta della consulenza specifica al problema dell’occultismo. Eccole parti principali:
■ Consulenza specifica
■ Approfondimento delle problematiche
■ Aspetti critici
■ Fatti, casi ed eventi
■ Dizionarietto dei termini
■ Fogli d’analisi
■ Excursus: Rimostranze verso fratelli  

 

► Vedi al riguardo le recensioni.

Entrare nella breccia 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serviti della e-mail sottostante!

E-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GLI SPIRITI UMANI SONO PREESISTENTI?

Dal verbo secondo Corrado Salmé

 

 di Nicola Martella

 

Un lettore ci ha presentato la seguente questione.

 

Caro Nicola, pace. Questo è il verbo di Corrado Salmé in una sua predica video: «E Dio chiama Geremia, lo chiama sin dal grembo materno, e quando è arrivato il momento che lui poteva ascoltare la sua voce, Dio gli parla e gli dice: “Io ti ho formato nel grembo di tua madre, e prima che io ti formavo, io ti ho chiamato. Il tuo spirito era con me, Geremia, tu eri con me prima che tu nascessi, io ti ho formato, ti ho chiamato, ti ho costituito prima che tu nascessi”. È importante fratello, sorella, che tu sappia che Dio ti ha chiamato prima che tu nascessi. Il tuo spirito, il tuo spirito, era con Dio prima che tu nascessi. Il nostro Dio è il Padre degli spiriti, e noi eravamo davanti a Lui e con Lui prima che noi nascevamo».

     Mi dici che cosa ne pensi? {Antonio Capasso; 21-01-2010}

 

Ad aspetti rilevanti di tale questione rispondiamo qui di seguito.

 

In tale questione bisogna distinguere due differenti interpretazioni: ▪ 1. La procreazione; ▪ 2. L’incarnazione. Partiamo dall’ultima.

 

 

1.  L’INCARNAZIONE

     ■ La tesi: Essa intende che esseri preesistenti si «incorporino», per diventare così uomini. Questo fatto è effettivamente avvenuto nella storia, quando il Logos preesistente è divenuto carne (Gv 1,1ss.14). Si può dire ciò però per tutti gli uomini?

     Tralasciando tale caso specifico della Scrittura, che cosa afferma tale opinione sul resto dell’umanità? Gli spiriti degli uomini esisterebbero in un luogo celeste e, nel momento del concepimento, Dio manderebbe un tale spirito umano nel seno della donna per «incorporarsi» nell’ovulo fecondato e per nascere poi come uomo.

     Tale teoria crede di trovare un appoggio principale nelle parole rivolte da Dio a Geremia: «Prima che io ti avessi formato nel ventre di tua madre, io t’ho conosciuto; e prima che tu uscissi dal suo grembo, io t’ho consacrato e t’ho costituito profeta delle nazioni» (Gr 1,5).

 

     ■ Osservazioni e obiezioni: Si noti che qui Dio non disse al profeta che lo spirito di Geremia fosse esistito prima di essere stato concepito, ma solo che l’Eterno lo avesse conosciuto prima; infatti Dio è l’unico a possedere la preveggenza e ad essere onnisciente.

     La struttura del verso è quella tipica del parallelismo sinonimico (qui anche intensificante) della letteratura ebraica, ossia la prima parte del verso è parallela alla seconda e dice la stessa cosa con altre parole, sebbene la seconda parte è più sviluppata.

     A ciò si aggiunga che qui l’espressione ebraica «io t’ho conosciuto» significa semplicemente «io t’ho eletto». In Amos 3,2 l’espressione «Voi soli ho conosciuto fra tutte le famiglie della terra», significa semplicemente: «Voi soli ho eletto fra tutte le famiglie della terra»; nel v. 1 menzionò «tutta la famiglia ch’io trassi fuori dal paese d’Egitto». L’ultima parte del verso di Geremia 1,5 è simile a quella che Dio rivolse a Ciro, che chiamò suo unto: «…io t’ho chiamato per nome, t’ho designato con speciale favore, quando non mi conoscevi» (Is 45,4).

     Anche nel Nuovo Testamento si parla come segue: «Egli ci ha fatto conoscere il mistero della sua volontà, secondo il suo beneplacito, che Egli aveva stabilito in se stesso» (Ef 1,9). In modo corrispondente a ciò, Dio è capace di pianificare, prevedere e preconoscere quello che poi avviene nella storia; infatti «quelli che amano Dio,… sono chiamati secondo il suo proponimento. Perché quelli che Egli ha preconosciuti, li ha pure predestinati a esser conformi all’immagine del suo Figlio» (Rm 8,28s). Qui non si parla né di preesistenza, né di destino irresistibile, ma soltanto del piano divino nella storia. Anche altrove Paolo afferma: «Dio non ha reietto il suo popolo, che ha preconosciuto» (Rm 11,2). Che Dio abbia la capacità di conoscere i fenomeni e le persone prima che vengano all’esistenza, non premette la preesistenza di questi, ma solo la capacità sovrannaturale di precognizione di Dio, ossia di sapere le cose in anticipo.

     Oltre a tutto ciò, tale opinione porta molti e gravi problemi con sé. Eccone alcuni.

     ■ Tale tesi rende Dio un supervisore delle camere da letto, poiché Egli sarebbe continuamente occupato a stare attento a ciò che accade in esse, per mandare spiriti preesistenti in grembi femminili, in cui gli ovuli vengono fecondati. Tralasciamo qui per semplicità tutta la fauna, per non complicare le cose.

     ■ Visto che ogni giorno sul globo molti concepimenti avvengono per via immorale mediante seduzione, fornicazione, adulterio, pedofilia, incesto, abusi e violenze sessuali, ciò renderebbe Dio anche complice di tali gravidanze illegittime, poiché sarebbe Lui, secondo tale tesi, a mandare gli spiriti a «incorporarsi».

     ■ Tale opinione renderebbe quindi il Dio libero e sovrano schiavo di una legge naturale, che dipenderebbe dall’arbitrio umano e dai suoi stimoli sessuali (nel caso normale) o dalle sue perversioni (in caso d’abuso).

 

Una tale concezione è semplicemente insostenibile sia teologicamente, sia razionalmente.

 

 

2.  LA PROCREAZIONE: Secondo la Bibbia, Dio ha creato una sola volta nella storia e poi ha smesso di creare (Gn 2,1ss). Anche la creazione di Adamo e di Eva rientrano in tale atto sovrano e unico. È scritto: «Poi Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e a nostra somiglianza…”. E Dio creò l’uomo a sua immagine, lo creò a immagine di Dio, li creò maschio e femmina. E Dio li benedisse; e Dio disse loro: “Siate fecondi e moltiplicate e riempite la terra…”» (Gn 1,26ss). [Per i dettagli rimando a Nicola Martella, Esegesi delle origini. Le Origini 2 (Punto°A°Croce, Roma 2006), pp. 73-88.]

     Quindi, dopo l’atto sovrano e unico della creazione divina, sulla terra sarebbe avvenuta la procreazione degli esseri viventi; e ciò vale tanto per gli animali (v. 22), quanto per gli uomini (v. 28; 9,1.7). I fatti vengono riassunti anche in seguito e messi in parallelo.

     ■ Dio creò l’uomo secondo la propria specie: «Nel giorno che Dio creò l’uomo, lo fece a somiglianza di Dio; li creò maschio e femmina, li benedisse e dette loro il nome di “uomo”, nel giorno che furono creati» (Gn 5,1s; cfr. 9,6).

     ■ L’uomo procreò suoi simili secondo la propria specie: «Adamo visse centotrent’anni, generò un figlio a sua somiglianza, conforme alla sua immagine… e generò figli e figlie» (Gn 5,3s).

 

Dio ha inventato il delicato meccanismo del concepimento e ha dato all’uomo la capacità e l’energia per procreare la vita in senso totale, quindi persone in senso globale, che prima non esistevano in modo personale, ma solo in senso virtuale nei «lombi» del genitore. I due genitori fondono insieme il loro patrimonio totale (materiale, biologico, genetico, psichico, ecc.) e lo trasmettono alla prole. Ciò che nasce proviene nel corpo e nello spirito dai suoi genitori. Tant’è vero che la progenie nelle lingue originali della Bibbia si chiama semplicemente «seme» di qualcuno.

     Dio disse letteralmente a Giacobbe: «Io sono Dio, l’Onnipotente. Sii fecondo e moltiplica. Una nazione e una moltitudine di nazioni sorgerà da te, e dei re usciranno dai tuoi lombi! E il paese, che detti ad Abrahamo e a Isacco, lo voglio dare a te; e al tuo seme, dopo di te, voglio dare il paese» (Gn 35,11s). Anche nel NT viene ribadito: i figli di Levi prendevano le decime dai loro fratelli nello stesso popolo, benché essi «siano usciti dai lombi d’Abramo» come loro (Eb 7,5). Il paradosso è il seguente: «E, per così dire, nella persona d’Abramo, Levi stesso, che prende le decime, fu sottoposto alla decima; perché egli era ancora nei lombi di suo padre, quando Melchisedek incontrò Abramo» (vv. 9s). Levi non era personalmente preesistente come spirito da qualche parte nel mondo metafisico, ma era solo virtualmente presente nel patrimonio genetico di Abramo; poi divenne persona globale, quando fu procreato da Giacobbe.

     Dio rimane il Creatore d’ognuno per il fatto che ha creato tutti i meccanismi deputati al concepimento, allo sviluppo e alla nascita della nuova vita.

 

 

3.  ASPETTI CONCLUSIVI: Abbiamo visto che tale concezione è insostenibile per criteri sia teologici, sia razionali. Inoltre porta con sé altri gravi problemi; eccone alcuni.

     ■ Il corpo sarebbe semplicemente una specie di prigione dello spirito, un limite alla libertà. Era così che pensavano Platone e gli gnostici. Tale pensiero non è però scritturale. Se gli esseri esistessero già come spiriti personali, avrebbero nella preesistenza molte possibilità e libertà, a cui sarebbero posti grandi limiti con la presunta incarnazione. Chi vorrebbe mai andare dalle stelle alle stalle?

     ■ Se gli spiriti umani fossero preesistiti alla nascita, avrebbero una grande preconoscenza, dovuta a molti millenni di esistenza celeste. Ciò è in contraddizione col fatto che ogni neonato è praticamente una «tabula rasa». Bisognerebbe spiegare come avvenga tale «eclissi mentale» e come mai i nuovi nati non ricordino nulla della loro precedente esistenza celeste.

     ■ Se gli spiriti umani fossero preesistiti alla nascita e possedessero così la preconoscenza celeste, saprebbero la verità sulle cose basilari, oltre che sulla realtà (scienza), specialmente sulla dottrina biblica: su Dio, sulla salvezza e sulla perdizione. Le conseguenze di ciò sarebbero,ad esempio, le seguenti: gli uomini crederebbero alla verità per natura, sarebbero tutti esseri morali, accetterebbero Cristo come Salvatore e Signore come la cosa più naturale di questo mondo. Non ci sarebbe quindi neppure bisogno di evangelizzare o di predicare la Parola. Il paganesimo non esisterebbe per natura, come pure l’agnosticismo e l’ateismo. La terra sarebbe da millenni già il regno di Dio. Eppure fin dall’inizio leggiamo «Lo spirito mio non contenderà per sempre con l’uomo, poiché, nel suo traviamento, egli non è che carne… E l’Eterno vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra, e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo» (Gn 6,3.5).

 

Per tali motivi, la dottrina degli spiriti umani preesistenti è semplicemente una concezione ideologica, nata da menti lievitate dalla spiritualità gnostica. Tale concezione è tipica dell’esoterismo ed è la dottrina di base dello spiritismo. Lo gnosticismo l’ha semplicemente cristianizzata. Si veda anche la concezione della reincarnazione, tipica delle religioni orientali e dell’esoterismo. [Per i dettagli si vedano in Nicola Martella, La lieve danza delle tenebre (Veritas, Roma 1992), gli articoli: «Lo spiritismo», pp. 155-170; «Spiritismo e Bibbia», pp. 347-353. Nicola Martella, Dizionario delle medicine alternative, Malattia e guarigione 2 (Punto°A°Croce, Roma 2003), «Spiritismo e paramedicina», pp. 506s, «Spirito e paramedicina», pp. 507s.]

 

Gli spiriti umani sono preesistenti? Parliamone {Nicola Martella} (T)

 

► URL: http://puntoacroce.altervista.org/_Dot/A1-Spiriti_umani_preesist_EnB.htm

26-01-2010; Aggiornamento: 02-02-2010

 

▲ Vai a inizio pagina ▲

Proprietà letteraria riservata

© Punto°A°Croce