Un taglio netto alle convenzioni anti-bibliche e pseudo-bibliche, all'ignoranza e alle speculazioni — Ein klarer Schnitt zu den anti-biblischen und pseudo-biblischen Konventionen, zur Unwissenheit und den Spekulationen — A clean cut to the anti-biblical and pseudo-biblical conventions, to the ignorance and the speculations — Une coupe nette aux conventions anti-bibliques et pseudo-bibliques, à l'ignorance et aux spéculations — Un corte neto a las convenciones anti-bíblicas y pseudo-bíblicas, a la ignorancia y a las especulaciones

La fede che pensa — Accettare la sfida nel nostro tempo

«Glaube gegen den Strom»: Für das biblische Unterscheidungsvermögen — «Faith countercurrent»: For the biblical discernment — «Foi contre-courant»: Pour le discernement biblique — «Fe contracorriente»: Por el discernimiento bíblico

Per il discernimento biblico

Prima pagina

Contattaci

Domande frequenti

Novità

Arte sana

Bibbia ed ermeneutica

Culture e ideologie

Confessioni cristiane

Dottrine

Religioni

Scienza e fede

Teologia pratica

▼ Vai a fine pagina

 

La lieve danza delle tenebre

 

Carismaticismo

 

 

 

 

L’occultismo viene presentato quale problema sociale, razionale e biblico.

  Alcuni dei temi principali sono i seguenti:
■ La superstizione
■ La divinazione
■ L’astrologia
■ Medianismo e fenomeni extra-sensoriali
■ Lo spiritismo
■ La magia
■ La massoneria
■ La neostregoneria
■ Il satanismo
■ Il paranormale
■ La religione
■ I fenomeni estatici e la falsa profezia
■ L’esoterismo
■ La dottrina occulta
■ I fenomeni occulti nella prospettiva biblica

 

► Vedi al riguardo le recensioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serviti della e-mail sottostante!

E-mail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOB HAZLETT: TESTIMONIANZA E RIFLESSIONI

 

 di Emiliano Musso - Nicola Martella

 

1. La testimonianza {Emiliano Musso}

2. Osservazioni e riflessioni {Nicola Martella}

 

Clicca sul lemma desiderato per raggiungere il punto sottostante

 

Emiliano Musso, dopo la lettura dell’articolo «Voglia di profeti e veggenti»,  si è sentito in obbligo di testimoniare in prima persona dei fatti relativi a Bob Hazlett. Nicola Martella, analizzando tale testimonianza diretta, prende l'occasione per fare alcune osservazioni e alcuni approfondimenti. Sia il lettore stesso ad approfondire ulteriormente le questioni e a trarre le sue eventuali conclusioni.

 

 

1. La testimonianza {Emiliano Musso}

 

Buongiorno Nicola, Le scrivo a seguito della pubblicazione del suo articolo su Bob Hazlett, anzitutto per ringraziarla per la divulgazione di queste informazioni, che saranno sicuramente d’aiuto a molti nel porsi quesiti a mio avviso fondamentali quando si considerano tematiche come questa.

     Personalmente, a causa d’alcune coincidenze che mi hanno portato in una data chiesa, ho avuto modo di vedere all’opera — ahimè — questo «profeta». La mia testimonianza in merito non è sicuramente favorevole come altre: ciò che ho visto, ma soprattutto sentito, mi è stato sufficiente per andare con la mente agli ammonimenti scritturali sugli ultimi giorni, e sui figuri che si trovano a operare in questo contesto.

     Particolarmente ilare, se non fosse d’una tristezza infinita, è stato un momento in cui il «profeta» ha presentato un CD contenente dei brani scritturali messi in canto, che si riferiscono alle guarigioni compiute dal Signore e dagli apostoli. Secondo Hazlett, questo CD «ha causato» la guarigione di molte persone — e il disco che stringeva in mano sarebbe andato, quella stessa mattina, a qualcuno che lo Spirito Santo gli avrebbe indicato come bisognoso. Assegnato questo CD, si è però premurato d’avvisare che nella sua automobile ne aveva diverse scatole, e tutti quelli che non lo avevano ricevuto potevano richiederlo per una cifra irrisoria. Ancora oggi, mi domando perché non me ne sia andato seduta stante.

     Ma il fatto d’essere rimasto mi ha permesso di valutare fino in fondo se tutto dipendesse da un mio pregiudizio o meno. L’impressione iniziale non è stata però smentita. Quando è iniziata la «predicazione» (e un attore di teatro non avrebbe saputo inscenarla meglio), è stato un pugno allo stomaco sentire come Hazlett definisca sorpassata la rivelazione biblica, desiderando invece di ricevere quelli che chiama «i miracoli del 2007»! Assolutamente in barba a qualsiasi criterio d’analisi delle Scritture, poi, ha «profetato» un risveglio il quale sarebbe partito proprio dall’Italia... utilizzando il solo testo d’Atti 10 sulla conversione di Cornelio, e collegando i due avvenimenti più o meno così: «Come il risveglio d’allora è partito da un italiano, anche oggi sarà così» (molto tirato, a parer mio, il considerare la conversione di Cornelio come l’inizio d’un risveglio: la chiamata del Signore è sempre e comunque personale). Inoltre, per non rischiare smentite ha adottato la tattica più semplice ma più efficace possibile: i presenti (membri della chiesa che lo ospitava) sono stati avvertiti dell’opposizione che «altre chiese» avrebbero riservato loro. Queste «chiese nemiche» sono state apostrofate nei modi più comuni che il carismaticismo adotta: «chiese morte», «chiese tradizionaliste» (quindi destinate alla morte), «chiese che non ascoltano lo Spirito» (quindi sulla via della morte), e così via (ma sempre con la morte come costante — o fissazione).

     Non voglio poi approfondire il momento in cui ha profetato persona per persona, perché molto ci sarebbe da dire anche in questo caso. Mi limito a sottolineare come Hazlett faccia un pesante uso della frase «Il Signore dice» (che non conosca Gr 23?), senza quell’umiltà che un uomo, sapendosi fallibile, dovrebbe avere nel comunicare qualcosa che ritiene venire da Dio (e che comunque potrebbe essere stato «mal capito»). Inoltre, pur volendo guardare oltre (ed è una gran concessione), come si può pensare che lo Spirito Santo, se davvero presente, non abbia niente da correggere in nessuno? Eppure, è andata proprio così: la «profezia più banale» riguardava lo sviluppo d’un gigantesco ministero, che avrebbe portato a un incremento di conversioni e d’affluenza nelle rispettive chiese nell’ordine di migliaia di persone, come se il traguardo d’una vita cristiana fosse racchiuso nel raggiungimento degli stessi obiettivi che offre il mondo secolare. Non un solo astante ha ricevuto parole di correzione per comportamenti magari da rivedere, o d’esortazione per situazioni difficili. Nulla di nulla: una chiesa di presunti superman spirituali.

     Sono felice d’essere stato risparmiato da questa parte di «show»: ho notato più volte lo sguardo torvo di Hazlett, probabilmente non gli andava il fatto che non fosse presente in me quello stato d’estasi non meglio definibile che ha portato un’intera comunità ad abbassare la guardia davanti a una situazione del genere. Questo purtroppo è ciò che abbonda oggi: la chiesa del «voglio vedere, toccare, sentire». Una chiesa che brama e insegue la catarsi, poco le importa se così facendo non è fedele al suo «primo amore». Una chiesa che, concluso lo show, si prodiga nella «corsa al santone»: una coda interminabile di persone che vogliono ancora ricevere dal profeta di turno delle parole che facciano sentire «speciali».

     C’è davvero da pregare che il Signore usi misericordia verso tutti coloro che sono e saranno raggiunti da simili «ministri», affinché, parafrasando l’apostolo Paolo, «non siano più sballottati e portati qua e là da ogni vento di dottrina per la frode degli uomini, per l’astuzia loro nelle arti seduttrici dell’errore». {24-10-2007}

 

 

2. Osservazioni e riflessioni {Nicola Martella}

 

Ecco alcune elementi che colgo analizzando la testimonianza diretta di Emiliano Musso. Questa diventa anche l’occasione per alcuni approfondimenti.

     ■ Feticismo: Un oggetto (qui un CD) che avrebbe causato la guarigione di molte persone, rientra nel campo della superstizione e precisamente del feticismo. Un «feticcio» è un oggetto ritenuto carico di energie spirituali a causa della sua particolare provenienza (luogo, persona) o del particolare rito a cui è stato assoggettato. Non mi dilungo qui ulteriormente avendo affrontato la questione nell’articolo «La superstizione e la Bibbia» (La lieve danza delle tenebre), pp. 301-307; e particolarmente nell’articolo «Alcune forme di superstizione», pp. 309-318 (amuleti). Come nel campo degli amuleti esoterici e in quelli religiosi, anche qui il «CD miracoloso» è servito da reclame per vendere la propria merce!

     ■ Rivelazione obsoleta: Non è inconsueto ascoltare dalla bocca di chi ritiene di ricevere «nuove rivelazioni» che la Rivelazione scritturale sia ormai sorpassata! Basta leggere varie pubblicazioni carismaticiste per rendersene conto. Che bisogno si può mai avere di un’attenta e rigorosa analisi biblica, se si può parlare a tu per tu con Dio Padre, con Cristo, con angeli e demoni, eccetera? La sacra Scrittura viene usata poi soprattutto come «trampolino di lancio» per le cose nuove che si vorranno dire «da parte di Dio»! Si sarà sbagliato Gesù Messia, quando all’interno della sua rivelazione ha messo in guardia: «Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno» (Mt 24,35). Si sarà sbagliato il Signore dell’Apocalisse, quando diede l’ultimo severo avvertimento a non aggiungere o togliere alcunché alle «parole della profezia di questo libro», minacciano immani pene (Ap 22,18s).

     ■ Il risveglio: In tutti i libri dei carismaticisti, famosi o meno, si trovano visioni e predizioni, in cui Dio avrebbe mostrato loro un’incredibile risveglio, che sarebbe partito dall’Europa o da uno di questi paesi e che si sarebbe attuato nel giro di pochi anni e che avrebbe raggiunto tutto il mondo. Chi non ricorda simili predizioni circostanziate e incombenti (delimitate a pochi anni), contenute nei libri di Paul Yonggi Cho (cfr. Carismosofia, p. 33) e di altri leader carismatici? Quando le cose non si sono poi avverate, non si sono mica ravveduti e non hanno chiesto perdono al Signore e alle chiese per tale «falsa profezia»! L’unico vero «risveglio» che assistiamo da anni, è quello esoterico; e la cosa triste e drammatica è che sta prendendo piede anche nelle chiese, per preparare il terreno all’apostasia finale.

 

Per l’approfondimento cfr. in Nicola Martella (a cura di), Escatologia fra legittimità e abuso. Escatologia 2 (Puntoto°A°Croce, Roma 2007), l’analisi di alcune opere sulla fine dei tempi, pp. 139-221.

     Sul risveglio esoterista rimando a vari articoli in Nicola Martella, Dizionario delle medicine alternative, Malattia e guarigione 2 (Punto°A°Croce, Roma 2003).

 

     ■ Chiese nemiche?: Una delle caratteristiche dei carismaticisti è l’allergia contro osservazioni, obiezioni e critiche. L’etere carismaticista li fa sentire fieri e orgogliosi al punto di diventare giudici implacabili verso i «diversi» da loro. La prima cosa che si (e ti) chiedono è se hai lo Spirito Santo (come se fosse una merce), ma intendono se hai fatto esperienze estatiche o mistiche particolari. Per loro ciò che non ha euforia ed eccitazione entusiastica, è spiritualmente morto, sebbene abbia il frutto dello Spirito e si tenga strettamente alla Parola, o per lo meno è in via d’estinzione.

     Il NT non parla mai di «chiese nemiche». Non afferma neppure che la qualità dei credenti sia stabilito dai carismi che posseggono, ma dal frutto dello Spirito e dall’ubbidienza alla Parola di Dio. Il NT parla invece di «super-apostoli» che sono entrati nella chiesa di Corinto, l’hanno tenuta in scacco col loro gnosticismo, denigrando per di più Paolo stesso (2 Cor 11,5; 12,11). Paolo non ebbe remore a chiamare tali gnostici come segue: «codesti tali sono dei falsi apostoli, degli operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo» (2 Cor 11,13).

     Nell’Apocalisse Gesù, scrivendo lettere a sette conduttori di chiese, non descrisse nessuna di queste comunità — anche quelle spiritualmente peggiori — come «nemiche». I nemici egli li denunziò chiaramente: i seguaci di Balaam e dei Nicolaiti, la falsa profetessa Jezabel, i Giudei gnostici (cfr. Ap 2,6.9.14s.20; 3,9).

     ■ Il Signore dice: Da Pentecoste in poi l’espressione «il Signore dice» non viene assolutamente mai usata per introdurre il discorso che un credente indirizza a un altro singolo o a una chiesa locale. Non si troveranno neppure espressioni come «così dice / parla il Signore». Neppure in At 9,15ss, dove mi sarei aspettato che Anania lo dicesse a Saul da parte del Signore Gesù, non c’è. Quindi l’uso di tale frase tipica dei profeti dell’AT all’interno dell’allora teocrazia è un anacronismo e un abuso di potere.

     Nel NT vale soltanto: «Parlino due o tre profeti, e gli altri giudichino […] 32e gli spiriti dei profeti son sottoposti ai profeti» (1 Cor 14,29.32). Come già detto «profeta» nel NT è chi proclama e non predice. La livella per giudicare le parole dei «profeti» è la Parola di Dio ed è con essa che bisogna correggere i «profeti» che sbandano e che sballano.

     ■ Il terreno fertile per i medium: Perché gli «unti», iniziati o medium, ossia i «canali» di uno «spirito guida», agiscano, sono i seguenti: passività (abbassamento del livello di controllo mentale su se stessi), stato alterato della psiche (eccitazione entusiastica; ciò abbassa anche il livello di controllo sui fatti esterni), ricettività e attesa. Questi meccanismi psicologici avvengono sia in campo occulto-esoterico, sia in campo mistico, sia in campo carismaticista.

 

Per l’approfondimento della «passività» e dei fenomeni connessi cfr. Nicola Martella, La lieve danza delle tenebre (Veritas, Roma 1992), p. 86 (nota 6). 92s.98 (nota 9). 145.149s.163.

     Cfr. Nicola Martella, «Passività e coercizione», Carismosofia (Punto°A°Croce, Roma 1995), pp. 60-68.

 

Quando la mente ha raggiunto tale stato mediante monotonia e attesa (a ciò aiuta spesso la musica ritmica, ripetitiva e lungamente suonata), «l’unto» o medium è capace di portare un’intera massa in uno stato simile all’ipnosi o al sonno lucido (mesmerismo). Si pensi qui al mesmerismo usato da Benny Hinn.

 

Per l’approfondimento cfr. in Nicola Martella, Dizionario delle medicine alternative, Malattia e guarigione 2 (Punto°A°Croce, Roma 2003), gli articoli: «Ipnosi», pp. 251-258; «Magnetopatia», pp. 282s; «Mesmer Anton», pp. 334s; «Mesmerismo», p. 335.

 

     ■ La corsa al santone: Mentre Giacomo comanda di chiamare in caso di «debolezza» i propri conduttori (Gcm 5) e comanda a questi ultimi di «pascere il gregge» che è stato affidato loro, la mentalità superstiziosa e feticista verso cose e persone, fa peregrinare i credenti senza radice spirituale e morale da un «unto» a un altro, da una «santone» a un altro, da un «guaritore» a un altro… a un altro più potente che finalmente darà loro, così si aspettano, ciò che manca. Così si fa nel mondo e nella religione, così fanno da cristiani! Così gli «unti», i «santoni», i cosiddetti «profeti di Dio», eccetera, diventano feticci viventi! E questo dà loro solo prestigio e potere di vario genere. Chi oserà mai riprendere un tale «unto», da cui parlerebbe Dio stesso!? Chi contesterà mai a tele «santone» le sue immoralità e i suoi arricchimenti indebiti? Chi rinfaccerà mai a tale «apostolo» o «profeta» le sue false dottrine e le sue predizioni circostanziate che non si sono avverate.

 

Bob Hazlett: due tesi a confronto {Andrea Merli - Nicola Martella} (T/A)

Bob Hazlett visto da vicino {Nadia Calzone, ps. - Nicola Martella} (A)

Parlando di profeti e veggenti {Nicola Martella} (T)

 

► URL: http://puntoacroce.altervista.org/_Den/A1-Hazlett_testim_riflex_Oc.htm

25-10-2007; Aggiornamento: 17-05-2010

 

▲ Vai a inizio pagina ▲

Proprietà letteraria riservata

© Punto°A°Croce